Piano Casa Marche Ancona

Fino al 31 Dicembre 2018 è il termine per la presentazione delle pratiche riguardanti gli interventi di edilizia con Piano Casa nella regione Marche.

Con la procedura del Piano Casa Marche, è possibile eseguire l'ampliamento e  la demolizione e ricostruzione, di edifici o unità immobiliari residenziali e non residenziali, in deroga agli strumenti urbanistici (quando alcune disposizioni normative vigenti non permettono in condizioni normali di eseguire tali interventi).

 

Pertanto siamo a disposizione per qualsiasi info e/o preventivo gratuito

 

PER GLI IMMOBILI RESIDENZIALI:

Con il Piano Casa è consentito l'ampliamento degli edifici o singola unità immobiliare ad uso residenziale nella misura massima del 20% rispetto alla loro volumetria esistente, è previsto un ulteriore 15% se l'intervento prevede che vengano realizzate delle opere di adeguamento antisismico. Gli ampliamenti da eseguire, devono garantire anche il miglioramento della prestazione energetica.

Anche in zona zona agricola, sono ammessi questi interventi, l'importante è che essi siano eseguiti su edifici construiti in data antecedente al 1950, che non siano presenti eventuali vincoli di valore storico o architettonico e che l'intervento mantenga inalterate le caratteristiche architettoniche del luogo.

Per gli edifici che necessitano di essere rinnovati sotto il profilo della qualità architettonica e/o antisismica, è consentita la demolizione e la ricostruzione con ampliamento del 35% della volumetria precedentemente esistente. 

E' riconosciuta la possibilità di un ulteriore ampliamento fino al 15% della volumetria o della superficie utile lorda, nel caso in cui l'intervento da realizzare preveda anche un adeguamento sismico di tutta la struttura portante dell'intero edificio.

Trasformare i sottotetti per renderli abitabili: Art. 1 bis LEGGE REGIONALE MARCHE 22/2009 - E’ consentito realizzare l’ampliamento di cui all’articolo 1, comma 1 e la trasformazione dei sottotetti, anche mediante recupero a fini abitativi del piano sottotetto purchè sia assicurata  per ogni singola unità immobiliare  l’altezza media non inferiore a 2, 40 metri per gli spazi ad uso abitativo, riducibile a 2,20 metri per gli  spazi accessori e di servizio.

Ecco inoltre altre novità apportate alla legge 22/2009 (Piano Casa), per gli interventi per gli edifici in zona residenziale e agricola:

- Ampliare e frazionare le unità immobiliari esistenti;

- Accorpare all'edificio principale, in zona agricola, la volumetria degli accessori di pertinenza per una superficie massima di 100 mq.

PER GLI IMMOBILI NON RESIDENZIALI:

Con il Piano Casa è consentito l'ampliamento degli edifici o singola unità immobiliare ad uso non residenziale (destinazione artigianale, commerciale, industriale, direzionale e agricola) nella misura massima del 20% rispetto alla superficie utile lorda, è previsto un ulteriore 15% se l'intervento prevede che vengano realizzate delle opere di adeguamento antisismico. Gli ampliamenti da eseguire, devono garantire anche il miglioramento della prestazione energetica.

Anche in zona zona agricola, sono ammessi questi interventi, l'importante è che essi siano eseguiti su edifici construiti in data antecedente al 1950, che non siano presenti eventuali vincoli di valore storico o architettonico e che l'intervento mantenga inalterate le caratteristiche architettoniche del luogo.

Per gli edifici che necessitano di essere rinnovati sotto il profilo della qualità architettonica e/o antisismica, è consentita la demolizione e la ricostruzione con ampliamento del 35% della superficie utile lorda precedentemente esistente. 

E' riconosciuta la possibilità di un ulteriore ampliamento fino al 15% della volumetria o della superficie utile lorda, nel caso in cui l'intervento da realizzare preveda anche un adeguamento sismico di tutta la struttura portante dell'intero edificio.

Per tutti gli interventi qui sopra descritti, deve essere versato al comune il relativo contributo di costruzione, calcolato tramite alcuni indici di riferimento presenti per ogni zona del piano regolatore comunale vigente.

Per scaricare il testo completo della legge clicca qui.

Pertanto siamo a disposizione per qualsiasi info e/o preventivo gratuito per i comuni di Osimo, Castelfidardo, Polverigi, Agugliano, Offagna, Santa Maria Nuova, Chiaravalle, Ancona, Falconara Marittima, Camerano, Senigallia, Filottrano, Montefano, Macerata, Numana, Sirolo, Loreto, Recanati, Porto Recanati, Potenza Picena e zone limitrofe.

Visite: 2017
12 Dec 18 - 16:31:38